8 Oct 2009

Test del DNA – Come raccogliere i campioni

Posted by admin

Il test del DNA è il modo più accurato per confermare le relazioni biologiche tra gli individui. Il metodo più comune, oggi, è il Test di Paternità che viene svolto per confermare la relazione tra il presunto padre (e talvolta la madre) e il figlio.

Se stai pensando di sottoporti ad un Test di Paternità, o qualsiasi altro test di parentela, il seguente articolo ti fornirà informazioni utili su come raccogliere i campioni del tuo DNA per un test genetico.

Lo scopo della procedura è quello di raccogliere un campione di cellule dalle guance attraverso le quali gli scienziati al laboratorio potranno estrarre il DNA per confrontare e identificare relazioni genetiche. Per fare questo è necessario raccogliere un campione da ciascuna parte coinvolta nel test, cioè, nel caso della situazione più comune, la madre, il padre e il figlio. Non c’è pericolo, il processo non è assolutamente doloroso ed è tutto molto semplice e lineare.

Per iniziare, è consigliabile istruire tutti i partecipanti al test del DNA e far sì che evitino di bere o mangiare almeno mezz’ora prima di sottoporsi all’estrazione del campione di DNA per evitare qualsiasi contaminazione che potrebbe invalidare il risultato dell’esame. Inoltre è preferibile evitare di fumare almeno un’ora prima di sottoporsi all’esame.

Una volta raccolti i campioni, devono essere etichettati con molta cura e attenzione scrivndo nome, cognome e la relazione di parentela dell’interessato sulla busta e nei moduli da compilare forniti nel kit del test. I campioni di ciascuna persona dovrebbero anche essere tenuti distanti l’uno dall’altro per evitare ogni rischio di scambio che porterebbe ad un errore nei risultati. Una buona gestione dei campioni è di fondamentale importanza per proteggere l’accuratezza del test e garantire i risultati esatti, quindi è estremamente importante seguire tutte le istruzioni contenute all’interno del kit per l’esame del DNA.

Al momento della effettiva raccolta dei campioni sono necessari due tamponi di cotone a testa per assicurarsi che nel caso uno dei due non funzioni, sia disponibile l’altro. Con l’estremità del tampone libera da ogni contatto che potrebbe contaminare il DNA, strofinare ripetutamente la superficie interna della guancia e della lingua per raccogliere saliva e cellule che contengono il materiale genetico vitale. Tenere il campione fuori da qualsiasi possibilità di contaminazione e avendo evitato di toccare l’estremità di cotone del tampone, lasciarlo asciugare per almeno 60 minuti, prima di sigillarlo e inviarlo al laboratorio. Ripetere il processo con tutti i tamponi richiesti per ciascuna persona che si sottopone al test di paternità.

Una volta raccolti i campioni rilevanti e compilati i moduli e la documentazione necessaria, non manca che spedire il tutto al laboratorio che avrà il compito di fare le analisi. È consigliabile spedire i campioni di DNA con la  posta raccomandata e certificata, o tramite corriere, in modo da poter rintracciare il pacco durante il tragitto e per assicurarsi che arrivi con certezza al laboratorio di analisi.

Potresti dover aspettare i risultati del Test del DNA da alcuni giorni ad alcune settimane; dipende da quando tempo è necessario al laboratorio per analizzare i campioni della soluzione da te scelta.

No related posts.

Related posts brought to you by Yet Another Related Posts Plugin.

Leave a Reply

Message:


− two = 1